martedì 2 gennaio 2018

Lo Sapevate Che: In casa l'armonia, altrove il sesso una via alla felicità...

Mio marito, col quale vivo un giusto modo di essere in due, per di più anche nel lavoro e con i nostri figli ormai adulti, ha trovato, beato lui, la “passione con una signora più giovane e attraente di me. Con lei ha un rapporto parallelo basato molto sul sesso, quel sesso che parte da una grande attrazione reciproca e scatena una passione ma provata. Ormai da più di tredici anni vivo questa condizione di moglie che sì ha sofferto, ma capito e rispettato la situazione del marito perché ne abbiamo parlato, a volte soffrendo e, soprattutto all’inizio molto. In tutti questi anni per me difficili lui mi è stato sempre vicino e ha cercato in tutti i modi di spiegarmi che lui mi ama ma ama anche lei e da lei è attratto fisicamente più che da me. E che non mi abbandonerà mai perché la condivisione e l’intesa che abbiamo noi con lei è minore, infatti tutto il nostro tempo libero lo trascorriamo insieme con lei si vede, anche per motivi di rapporto di lavoro, una volta a settimana. Fra noi, nonostante questo meraviglioso rapporto di condivisione, questa “passione” non c’era quando ci siamo innamorati e non c’è tuttora. C’è un buon sesso, ma tiepido, privo di quella soddisfazione che mio marito, con la sua storia, mi ha tatto, immaginare e che io non ho ancora provato o voluto provare. Ho accettato questa situazione perché era la migliore per tutti considerando che anche lei ha famiglia (marito più figlio) e che anche il marito di lei sa della loro storia, e come me ha accettato la situazione. Nel mio caso ho cercato e trovato la mia individualità e sono felice sia quando sono “sola”, senza il coinvolgimento familiare, trovando interessi con altre persone. Ad esempio adesso mi sto divertendo col gruppo di tangueri a ballare il tango argentino, mi soddisfa, è un ballo appassionato, faccio movimento ed esco di casa, il che alla mia età fa bene. Leggo, a volte scrivo, faccio yoga la mattina appena alzata. Ma sono felice anche in famiglia, col marito col quale lavoro in armonia e insieme curiamo i nostri interessi, ci sosteniamo, facciamo progetti per il nostro futuro ormai da quarant’anni. Si fanno cene coi nostri figli e le loro compagne, con amici e parenti. Mi piace cucinare perché mi stuzzica la creatività e il palato. Con mio marito si fanno gite in montagna, viaggi, mostre, a teatro. C’è condivisione e tanta tenerezza. Perché un concetto non esclude l’altro quando siamo veramente consapevoli di cosa vogliamo in questo progetto della nostra vita, tutto fila in armonia col nostro sentire e di conseguenza col mondo.

Da quando questa rubrica mi ha fatto entrare nel cuore e nelle vite di tante persone ho cominciato a perdere certezze, e a capire che non esistono regole sicure, nei sentimenti, nelle norme sociali, nelle risposte agli eventi. Sono arrivata a formulare l’idea che la famiglia e la coppia siano alla fine due entità diverse, non sempre conciliabili. La sua lettera mi fa cambiare ancora idea: la famiglia e la coppia sono serenamente conciliabili anche quando si inserisce un elemento di “disturbo” che, pur riconosciuto, resta ai margini e non intacca la solidità di una relazione. Certo ci vogliono intelligenza, saggezza, diciamo pure anche un calcolo, giusto, su quello a cui può portare qualsiasi decisione. Lei ama suo marito e la sua famiglia, insieme ci capite e dividete tutto ciò che si costruisce lungo la vita. L’unica falla tra voi è stata il sesso, da sempre: lei se ne è fatta una ragione, lui no. Certo tra dedicarsi al tango e vivere una passione c’è molta differenza: o forse no? Certo lei non ha perso ciò che le stava a cuore ma a questo punto, mi scusi il pensiero del tutto personale e probabilmente sbagliato, a quella cosa tiepida che è per lei, e immagino per suo marito, il sesso, ci rinuncerei volentieri.

Natalia Aspesi – Questioni di cuore – Il Venerdì di La Repubblica – 29 dicembre 2017 -

Nessun commento:

Posta un commento