mercoledì 31 dicembre 2014

Lo Sapevate che: Il vaccino c'è, e funziona...



Per ora i vaccinati sono solo 15, ma i risultati ottenuti hanno lasciato tutti col fiato sospeso. Perché se le fasi successive confermeranno quanto riferito su “Science Traslational Medicine” dai ricercatori dell’Università di Oxford, di Napoli, della Okairos, di Stanford e della GlaxoSmithKline, uno dei Graal della ricerca biomedica potrebbe essere a portata di mano: il vaccino anti-epatite C. Inseguita da anni, l’immunizzazione contro il C è finora sfuggita a causa delle caratteristiche del virus, difficile da coltivare. Ma l’approccio innovativo utilizzato – lo stesso che ha portato alla messa a punto del vaccino per Ebola approvato dall’Oms, in fase di frenetica sperimentazione – forse permetterà finalmente di centrare l’obiettivo. Il preparato si basa su un principio semplice: sfruttare il potere immunologico di altri virus, in questo caso adenovirus, opportunamente manipolati per non causare malattie e per contenere al loro interno le proteine del virus che si vuole sconfiggere, per suscitare la produzione di anticorpi specifici. Contro l’epatite C sono stati sperimentati due diversi adenovirus con due o quattro proteine del virus, e tutti i prodotti hanno dato ottima prova di sé: alta risposta immunologica (mai vista finora – hanno commentato gli autori), tossicità quasi nulla e ottima tollerabilità. Quasi tutti i gruppi coinvolti fanno parte di un grande consorzio finanziato dall’Unione europea chiamato Aditec, coordinato da Donata Medaglini dell’Università di Siena, e la tecnologia impiegata nello studio è stata messa a punto nei laboratori della ex Okairos di Pomezia, oggi GlaxoSmithKline, altro membro Aditec: il successo è dunque molto italiano. I malati di epatite C nel mondo sono oltre 180 milioni, e solo meno di un quarto riesce a sconfiggere spontaneamente il virus o a convivere con esso senza andare incontro a cirrosi, con alto rischio di cancro epatico e morte. I nuovi farmaci sono efficaci, ma costosissimi, e solo un vaccino potrebbe effettivamente debellare la malattia, come già avvenuto per l’epatite B. Le fasi successive della sperimentazione dovrebbero iniziare nelle prossime settimane.
Agnese Codignola – Epatite C – L’Espresso – 25 dicembre

Speciale: Golosità del Capodanno....



Crostini Alle Ostriche  



 Tostate sotto il grill 6 fette di pane francese  o casereccio. Nel frattempo aprite 3 dozzine di ostriche, estraete i molluschi, trasferirli in una padella e fateli dorare a fuoco lento per due minuti con 60 gr. di burro. Insaporirli con una macinata di pepe e servitele con i crostoni spalmati con 20 gr. di burro, lasciato ammorbidire a temperatura ambiente.

  Uova Del Golfo
 Per 6 persone
8 uova, 600 gr di gamberetti, 300 gr di besciamella, 150 gr di burro, panna, paprika, olio, sale e pepe.

Lavate i gamberetti e cuoceteli per 5 minuti in padella con 30 gr di burro e un cucchiaio di olio. Poi sgusciateli e mettetene 18 da parte. Fate sciogliere a fuoco dolce il burro rimasto. Passate nel mixer i gamberetti, (tranne i 18 messi da parte) fino ad ottenere una crema liscia e morbida. Scaldate la besciamella e, dopo averla tolta dal fuoco, unitevi il purè di gamberetti, il burro. Stemperate la salsa con 3 cucchiai di panna, insaporite con sale, una macinata di pepe e una punta di paprika. Rassodate le uova, mettendole in acqua fredda e cuocendole per 8 minuti a partire da quando inizia il bollore. In un piatto da portata un po’ fondo, versatevi la salsa. Sgusciate le uova e tagliatele a metà. Appoggiateli sulla salsa e decorateli con i gamberetti rimasti. Servite.


Crostini di Aringa, Arancia e Gin
 Per 4 persone

300 gr di filetti di aringa affumicata, una grande cipolla bianca, una arancia bionda, capperi sotto sale, gin, erba cipollina, olio, sale e pepe. Fette di pane a cassetta, burro.
Dividete a filetti 300 gr di aringa affumicata e metteteli in una larga terrina. Bagnateli con un bicchierino di gin, distribuitevi sopra una cipolla bianca affettata molto sottilmente, nel senso della larghezza. Versateci sopra 8 cucchiai d’olio evo emulsionato con il succo di una arancia bionda, 7 steli di erba cipollina tritata, un cucchiaio di capperi sotto sale, ben sciacquati e asciugati, una macinata di pepe. Coprite con pellicola e mettete in frigo a marinare per una notte. Servite con fette di pane a cassetta tostate e spalmatele di burro. Adagiatele su un piatto da portata e guarnite con fette di arancia bionda, accompagnando con la terrina preparata.


Tartine Di Foie Gras E Cetriolini  
Per 6 persone

6 fette di pancarrè, 1 scatola di fois gras, 1 confezione di cetriolini sott’aceto, 36 fettine di olive nere.

Tagliare a triangolo le fette di pane e farle tostare in forno. Quando saranno freddi, ricoprirle con il fois gras, livellandolo. Guarnire con cetriolini tagliati  a ventaglio e 3 fettine di oliva nera su ogni triangolo. Tenere in frigo sino al momento di servire.


Spaghetti  Della Mezzanotte
 Per 6 persone

600 gr di spaghetti n° 5, 1 spicchio d’aglio, un ciuffo di prezzemolo, 4 cucchiaiate di uova di lompo, succo di limone, olio, sale e pepe nero.
In una casseruola con abbondante acqua salata in ebollizione, fate cuocere la pasta al dente. Nel mentre, tritate finemente il prezzemolo ben lavato e asciugato con lo spicchio d’aglio. Ponete al fuoco un tegame con 4 cucchiai d’olio, fate scaldare, aggiungete gli spaghetti ben scolati, il battuto di prezzemolo e aglio, le uova di lompo. Rimescolate amalgamando bene gli ingredienti e togliete subito il recipiente dal fuoco. Spolverizzate con una generosa dose di pepe nero macinato al momento, spruzzate poche gocce di succo di limone e servite subito. 

BUON ANNO A TUTTI!